La geografia ed identità di Schiermonnikoog

Scritto da Giovanni Pinto

Schiermonnikoog, che significa isola dei monaci grigi, è un’isola frisone situata tra il Mare del Nord e il Mare di Wadden. Schiermonnikoog è un esonimo olandese, ma gli endonimi includono Eilaun (l’isola), Lytje Pole (piccolo pezzo di terra) e Schiermonnikeich (la gente del posto non usa molto questo nome). La spiaggia sabbiosa di Schiermonnikoog, che affronta le correnti di marea del Mare del Nord ed è quindi principalmente situata a nord, ha la forma di una curva a L. La spiaggia a forma di L dell’isola è divisa dall’entroterra da dune che sono per lo più ricoperti di erbe e olivello spinoso (in precedenza ho dato una descrizione impressionistica della flora e della fauna di Schiermonnikoog). Ci sono due fari su Schiermonnikoog dal 1853 (vedi la prima nota a pagina 9 del libro olandese Het eiland Schiermonnikoog en zijne bewoners), ma solo uno è ancora funzionale. Entrambi i fari sono alti 103 piedi olandesi. Quello rosso, che è ancore in uso, è costruito su una superficie piana, quello bianco su una duna. Quando sono andato a Schiermonnikoog per la prima volta nel 2018 (leggi il mio articolo al riguardo qui), una delle prime cose che abbiamo fatto è stato visitare il faro rosso e lì abbiamo letto una poesia sul faro nella lingua dell’isola. Schiermonnikoog ha un solo villaggio nella parte occidentale dell’isola. Fino al 1720, c’erano più frazioni o insediamenti sull’isola (De vooruitgang op Schiermonnikoog, p. 4).

L’attuale villaggio di Schiermonnikoog, dove due diverse varietà della lingua erano ancora parlate da alcuni anziani all’inizio del XIX secolo (Geschiedenis en beschrijving van het eiland Schiermonnikoog, pagina 90), conta circa 900 abitanti. Un libro olandese del 1862 afferma che gli abitanti dell’isola erano principalmente marinai che si imbarcavano in viaggi per mare per commercianti e agricoltori che fornivano cibo per sé e per i loro simili isolani: ,,Onder de ingezetenen van Schiermonnikoog, waarvan een groot gedeelte zich aan de scheepvaart toewijdt, zijn zeer veel koopvaardijkapiteins en stuurlieden […]; een ander deel der ingezetenen zijn landbouwers, doch inzonderheid om daardoor in eigen behoeften en in die hunner medeingezetenen te voorzien.” (De vooruitgang op Schiermonnikoog, pagina 5.)

Un libro italiano del 1749 racconta dell’isola: ,,Schiermonkoose, in Lat. Monicoga, altra isola alla destra d’Ameland, con alcune piccole aggiacenti, le quali sono di poca importanza.” Un libro italiano del 1830 parla dell’isola: ,,Dal fondo da Zuyderzée sino all’isola di Schiermonnik-Oog, la più piccola e più settentrionale di quelle che stanno intorno all’ingresso del gran golfo, lo spazio che si trova è di 40 leghe, e la navigazione è pericolosissima, dovendosi passare tra un gran numero di banchi di sabbia.” Ancora oggi è difficile raggiungere Schiermonnikoog in nave, perché l’unico modo per raggiungerlo è navigare in sicurezza attraverso le trincee nel mare ed è per questo che le navi, che hanno cercato di raggiungere l’isola o stavano navigando vicino all’isola, si sono spesso bloccate nel mare poco profondo piano e hanno dovuto inviare chiamate di soccorso. Soprattutto durante le tempeste i marinai si sono bloccati. Le persone dell’isola hanno sempre assistito le persone che stavano annegando e hanno coraggiosamente salvato molte vite, ma è una tradizione dell’isola prendere qualsiasi oggetto lavarsi sulle rive dell’isola, perché fin dai tempi antichi non è considerato proprietà di nessuno (questo ethos si riflette nelle storie popolari delle persone dell’isola che ho letto nella loro lingua).

Il Mare del Nord si trova nel nord dell’isola mentre il Mare di Wadden si trova nel sud dell’isola. Il Mare di Wadden collega Schiermonnikoog durante il riflusso con l’isola Ameland ad est, l’isola disabitata Rottum a ovest e la terraferma sassone di Groningen e la terraferma frisone a sud. Puoi raggiungere Schiermonnikoog a piedi se sai attraversare in sicurezza la superficie del fango che appare durante il riflusso del mare di Wadden. Tuttavia, il modo più veloce e sicuro per raggiungere l’isola è in traghetto da Lauwersoog. Quando intendevo visitare l’isola nel 2018, ho preso l’aereo dall’Italia, sono arrivato all’aeroporto olandese di Schiphol che si trova nella capitale olandese di Amsterdam, ho preso il treno per Leeuwarden e pochi giorni dopo ho preso l’autobus per Lauwersoog (Arriva Bus 155) e io prendemmo il traghetto per Schiermonnikoog.

Devo aggiungere che la questione dell’identità è separata dalla geografia, queste non vanno confuse: Schiermonnikoog fa ufficialmente parte della provincia della Frisia, che si trova nel territorio del Regno dei Paesi Bassi. Tuttavia, sebbene geograficamente parte dei Paesi Bassi, i frisoni si considerano indipendenti perché hanno combattuto per la loro libertà contro gli olandesi nella storia e hanno anche combattuto contro i romani per la loro libertà. I frisoni, che sono una tribù o nazione germanica indigena, sono un popolo molto orientato alla libertà, così come la popolazione germanica di Schiermonnikoog, che si considera distinta e indipendente. Quando ho vissuto in Frisia nel periodo 2014-2015, ho sentito che Frisia era una nazione spirituale e storica separata all’interno di una nazione geografica. Lo stesso è quello che ho provato quando ho visitato Schiermonnikoog nel 2018: sebbene sapessi che Schiermonnikoog è una parte della Frisia che fa parte dei Paesi Bassi, ho sentito che era una nazione all’interno di una nazione all’interno di una nazione. Questa è la realtà geografica per cui la lingua e le persone non sono state riconosciute ufficialmente in Frisia o nei Paesi Bassi. La realtà storica e la realtà linguistica sono ignorate, mentre il linguaggio di Schiermonnikoog è visto come frisone e il popolo di Schiermonnikoog è visto come frisone perché Schiermonnikoog appartiene geograficamente alla Frisia. Tuttavia, questo non è accurato, perché le persone si sentono come la propria nazione distinta e separata grazie alla loro lingua e storia uniche. Nazione deriva dalla parola latina natiō e quella deriva da nāscī, che significa “nascere”. Storicamente parlando, ha a che fare con la nascita e l’educazione. Credo che le nazioni delle persone, che si riflettano o meno nella moderna realtà geografica, debbano essere rispettate, specialmente quando queste nazioni storiche o spirituali sono popolazioni indigene che sono state assorbite in una nazione geografica. È un trattamento ingiusto (vale a dire discriminazione) quando queste popolazioni vengono ignorate e mancate di rispetto, ed è per questo che sono molto attento a evidenziare la differenza tra geografia e identità. Il motivo per cui le persone si considerano separate è una complessa mescolanza di nascita e educazione nel corso dello sviluppo storico, spirituale e linguistico, e non metto in dubbio i sentimenti degli indigeni per quanto riguarda la loro identità, ma cerco di comprenderli e descriverli accuratamente.

La situazione geografica nell’area di Lauwersoog è complicata, perché Lauwersoog, dove si trova il molo dei traghetti, fa parte di Groningen. Tuttavia, Schiermonnikoog fa parte della Frisia. Quando ho visitato Schiermonnikoog per la prima volta, non ho notato gran parte di questa complicata situazione geografica. Lauwersoog, sebbene situato a Groningen, nel 1973 ricevette un nome ispirato all’isola geograficamente frisone di Schiermonnikoog. Sip Sytsma ha dato il nome a Lauwersoog, perché Lauwersoog sembrava ancora un’isola a quel tempo (oog significa isola) ed è vicino a Schiermonnikoog e si trova vicino al fiume Lauwers, che ha molto significato storico per i frisoni. Il fiume Lauwers separò i Frisoni orientali e i Frisoni occidentali per più di mille anni. Groningen, che si trova ad est dei Lauwers, era una zona della Frisia orientale. Groningen è stata sassonizzata dal Medioevo: la gente ha iniziato a parlare sassone e ha dimenticato la sua identità frisone, ma i suoi vicini di lingua sassone in Germania, con i quali la gente di Groningen poteva comunicare storicamente, ricordare ancora la loro identità della Frisia orientale e sono orgogliosi di esso. Tuttavia, mi è stato detto che le influenze della Frisia orientale si riflettono ancora nella lingua sassone di Groningen. Dyami Millarson mi ha detto che la lingua sassone di Groningen è correttamente classificata come lingua friso-sassone (una lingua che in realtà è sassone ma ha caratteristiche frisone). Alla gente di Groningen non piace ascoltare la loro connessione storica con il frisone. Tuttavia, devono capire che storicamente avevano una lingua e un’identità separate, poiché Groningen si trova ad est del fiume Lauwers, che era la linea geologica di divisione tra i frisoni orientali e i frisoni occidentali. Il popolo di Groningen era frisoni orientali che parlavano il frisone orientale, mentre il popolo della Frisia è frisoni occidentali, che parlano il frisone occidentale. Pertanto, il popolo di Groningen non dovrebbe preoccuparsi della realtà delle radici frisoni: la storia conferma non solo che erano frisoni, ma conferma anche che erano frisoni separati che non erano gli stessi di quelli che vivevano a ovest del fiume Lauwers. Sfortunatamente, la lingua frisia orientale di Groningen è morta sulla terraferma storicamente frisone orientale di Groningen e così la gente di Groningen ha dimenticato l’importanza spirituale del fiume Lauwers.

Nella storia umana vediamo spesso che i fiumi influenzano lo sviluppo umano: il Tevere era importante per l’antica Roma, il fiume Giallo era importante per la Cina, il Nilo era importante per l’antico Egitto, il Reno era importante per le tribù germaniche, il Gange era importante per gli indiani, il Volga era importante per la Russia e così via. I fiumi sono spesso l’essenza spirituale delle nazioni e sono i creatori di identità e lingue separate. I fiumi sono quindi un’influenza sacra sull’umanità ed è per questo che gli umani hanno riverito storicamente i fiumi. Allo stesso modo, è importante venerare il fiume Lauwers e apprezzarne appieno il significato storico. Secondo un’opera storica olandese del XIX secolo che posso leggere perché ho imparato l’olandese del XIX secolo, il fiume Lauwers era probabilmente situato più a ovest di Schiermonnikoog in passato (pagine 4 e 13 del libro olandese Schiermonnikoog – de Lauwers – de Scholbalg). Ciò significa che Schiermonnikoog era probabilmente situato più a est dei Lauwers, e quindi Schiermonnikoog è quasi sicuramente frisone orientale storicamente (Dyami Millarson è interessato a indagare l’ipotesi che la lingua di Schiermonnikoog abbia una connessione speciale con la frisone orientale e che possa essere storicamente una frisona orientale linguaggio). La storia dei Lauwers (così come l’isolamento offerto dal Mare di Wadden dalla Frisia occidentale e dalla terraferma della Frisia orientale) spiega perché Schiermonnikoog ha un’identità separata, ed è per questo che l’attuale realtà geografica non è un riflesso accurato dell’identità di il popolo di Schiermonnikoog. La sola geografia non può spiegare perché le persone di Schiermonnikoog siano separate. Ho imparato la lingua di Schiermonnikoog nel 2018 e sebbene abbia visto le sue somiglianze con il frisone, ho visto che la lingua di Schiermonnikoog era un tipo molto diverso di frisone.

Dyami Millarson ha anche espresso la sua convinzione nel 2018 che il linguaggio di Schiermonnikoog potrebbe avere legami storici con il linguaggio originale di Groningen che è scomparso nel Medioevo. Dyami Millarson ha sottolineato che il popolo di Groningen parlava frisone orientale, che è separato da ciò che si dice oggi in Frisia. Dyami Millarson riteneva che fosse estremamente importante riconoscere i sentimenti della gente di Groningen che erano storicamente diversi dai frisoni che vivono in Frisia. Dopotutto, la storia in effetti non confuta questi sentimenti, ma in realtà li supporta con i fatti. Quindi, quando qualcuno dice che la gente di Groningen parlava frisone, questo non dovrebbe essere inquadrato come un attacco all’identità di Groningen, ma questo dovrebbe essere visto come una prova a sostegno dei sentimenti della gente di Groningen che sono separati. Diversi gruppi frisoni hanno sempre apprezzato la loro libertà e hanno sempre avuto un forte desiderio di difendere la loro indipendenza. La gente di Groningen è solo un gruppo diverso di frisoni, perché questo è il risultato della storia. Nessuno dovrebbe tentare diversamente e dovremmo semplicemente accettare questo risultato storico, perché la gente di Groningen non vuole che i loro sentimenti vengano feriti, né vogliono che qualcuno minacci la loro identità storica. La storia del frisone orientale di Groningen non minaccia l’identità di Groningen. Quindi, non vi è alcun motivo per negare la storia del frisone orientale di Groningen e non c’è ragione per negare che Groningen parlasse una volta del frisone orientale. In effetti, è davvero un peccato che Groningen abbia perso completamente la sua lingua originale perché ora il ricordo della sua storia della Frisia orientale sembra molto più distante, anche se le tracce esistono ancora. Dyami Millarson ha sottolineato nel 2018 che Schiermonnikoog ha legami storici con Groningen e che la lingua di Schiermonnikoog potrebbe essere l’ultimo residuo della lingua originale di Groningen nei Paesi Bassi (l’altro ultimo residuo si trova oltre il confine in Germania in un luogo chiamato Saterland dove si parla frisone orientale). Poiché la lingua di Schiermonnikoog è relativamente la forma più pura in cui la lingua originale di Groningen è sopravvissuta in tutto il territorio dei Paesi Bassi (vale a dire, la lingua di Schiermonnikoog è la cosa più vicina che abbiamo con l’originale frisone orientale di Groningen), ha espresso Dyami Millarson il suo desiderio nel 2018 di imparare la lingua sassone contemporanea di Groningen ed insegnare la lingua di Schiermonnikoog alla gente di Groningen, nel tentativo di rinfrescare la memoria storica fattuale della distinta identità frisone orientale (vedi questa intervista con RTV Noord).

La lingua di Schiermonnikoog con tutte le sue caratteristiche che sono distinte dalla lingua frisone occidentale che è parlata sulla terraferma frisone è come sarebbe stata la lingua originale della terraferma di Groningen se non si fosse estinta. La lingua frisone orientale di Groningen si sarebbe probabilmente evoluta in qualcosa che ricorda da vicino la lingua di Schiermonnikoog. Pertanto, l’apprendimento della lingua di Schiermonnikoog sarà un modo legittimo e appropriato per aumentare la consapevolezza storica a Groningen. Mentre la gente di Groningen ritiene di essere diversa dai frisoni, ha ancora bisogno di una base storica che li aiuti a esprimere correttamente i propri sentimenti in modo basato sui fatti. Questo è il motivo per cui lo studio della lingua di Schiermonnikoog dovrebbe essere considerato estremamente importante per il restauro linguistico e storico di Groningen; la storia frisone orientale è essenziale per il rinascimento culturale-linguistico di Groningen, perché sarebbe incompleta senza la profonda consapevolezza di una storia così unica. Groningen non può essere ripristinata a meno che la storia non sia adeguatamente rispettata e pienamente apprezzata, ed è per questo che Schiermonnikoog non è solo importante per Groningen, ma è un luogo sacro attraverso il quale Groningen può raggiungere il suo rinnovamento spirituale. Il popolo di Groningen dovrebbe (mentalmente) battezzarsi nel fiume Lauwers come un atto spassionato di venire a patti con la storia, e dovrebbe venerare l’isola di Schiermonnikoog perché i locali di Schiedmonnikoog si sono comportati come monaci dedicandosi pienamente alla sacra missione di la continuazione ininterrotta della gloria linguistica di Groningen. Ora che il linguaggio di Schiermonnikoog è minacciato di estinzione, il popolo di Groningen ha l’obbligo morale di salvarlo. Tuttavia, questo obbligo morale non va solo a beneficio di Schiermonnikoog, ma anche a Groningen, poiché lo studio del linguaggio di Schiermonnikoog è l’unico percorso per la completa salvezza spirituale dell’autentica identità storica di Groningen. Ciò che la gente di Groningen cerca è l’autenticità e questo può essere trovato su Schiermonnikoog.

La gente di Groningen a volte rivendica Schiermonnikoog come proprio territorio, ma la cosa più importante in questo numero è rispettare i desideri dei locali di Schiermonnikoog, perché anche quando Schiermonnikoog non appartiene geograficamente a Groningen, Groningen può guadagnare molto da Schiermonnikoog studiando la lingua di Schiermonnikoog. Inoltre, Dyami Millarson ha notato su questo blog che ci sono sorprendenti somiglianze tra le parole nell’attuale lingua sassone di Groningen e la lingua di Schiermonnikoog (questo è probabilmente dovuto ai resti frisoni orientali nella lingua di Groningen). Lo ha dimostrato con varie liste di vocaboli. I legami linguistici tra le lingue di Schiermonnikoog e Groningen sono qualcosa che dovrebbe essere ulteriormente esplorato. Dyami Millarson farà sicuramente uno sforzo scientifico per indagare su questo, e sarà sicuramente una rivelazione per il popolo di Groningen, che potrebbe aver sentito una connessione emotiva spontanea con Schiermonnikoog ma non ha mai conosciuto i fatti storici e linguistici. Schiermonnikoog è stato governato dalla nobile famiglia di Stachouwer per alcuni secoli e questo ha rafforzato la sua identità separata da Frisia e Groningen. Tuttavia, Schiermonnikoog è stato storicamente parte della Frisia in Occidente e Groningen in Occidente per un po ‘fino a quando non divenne completamente parte della Frisia. Tuttavia, la parte frisone di Schiermonnikoog era già la più grande anche nel momento in cui Schiermonnikoog apparteneva a Groningen per una parte. Se le persone dell’isola dovessero scegliere tra Groningen o Frisia, sceglierebbero Frisia, ma se potessero scegliere di essere indipendenti dalla Frisia o da Groningen, sceglierebbero l’indipendenza. Schiermonnikoog è un’isola a sé stante, e l’identità del popolo non è determinata dalla geografia provinciale o nazionale, ma è piuttosto determinata dalla nascita e dall’educazione delle persone, che sono state influenzate dalla storia, ed è per questo che, nonostante una diversa realtà geografica , Schiermonnikoog è la sua nazione (spirituale) grazie alla sua identità.

Pertanto, credo che la geografia, la storia e l’identità di Schiermonnikoog dovrebbero essere studiate insieme per ottenere una piena comprensione.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s