La lingua di Schiermonnikoog è poetica

Scritto da Giovanni Pinto

Non molto è scritto nella lingua dell’isola Schiermonnikoog, ma quasi tutto ciò che è scritto nella lingua è la poesia. Dyami Millarson, che mi ha aiutato con la mia ambizione di imparare la lingua di Schiermonnikoog, possiede quasi tutti i libri che sono stati pubblicati nella lingua di Schiermonnikoog. La maggior parte di questi libri sono fasci di poesie. I primi testi che ho visto nella lingua di Schiermonnikoog erano poesie. Nel 2018 ho letto e copiato alcune poesie in lingua per imparare a parlare e scriverlo. Un giorno spero di aver letto tutte le poesie che sono state scritte nella lingua di Schiermonnikoog.

La lingua di Schiermonnikoog si presta bene alla poesia, perché ha molti suoni lunghi e unici. Quando leggo la lingua di Schiermonnikoog, mi viene in mente la vacanza, perché immaginare il suono della lingua mi rilassa e mi calma. Per me, la lingua di Schiermonnikoog è davvero una lingua di vacanza. La sua natura poetica mi distoglie dalle mie preoccupazioni quotidiane e mi assorbe nel mondo innocente di un’isola naturale. Attraverso la lingua, posso sentire le anime pure degli aborigeni che una volta abitavano l’isola. In un certo senso, la lingua di Schiermonnikoog mi fa sentire come un monaco in natura. Quando penso al suono della lingua e leggo le poesie nella lingua, immagino che gli aborigeni di Schiermonnikoog debbano essere stati tutti una specie di monaci che vivevano in armonia con la natura.

Johan Winkler, che visse dal 1840 al 1916, conferma le mie osservazioni del 2018 quando disse nel 1874 che la lingua di Schiermonnikoog non è una lingua “incivile, ruvido, povero” ma una lingua “molto civilizzata, ricca, pura” che egli considerato “molto pulita, eufonica e dolce per le orecchie” e ha detto che gli isolani parlano la lingua isolana in un modo molto raffinato ed elegante. Aggiunge che gli isolani parlano la loro lingua in un modo melodioso che gli ricorda di cantare, e spiega che la gente lo fa in più zone costiere dei Paesi Bassi.

Penso che non sia una sorpresa che gli isolani adorino cantare. Inoltre, le loro poesie possono di solito essere lette o cantate. In altre parole, le poesie nella lingua dell’isola sono spesso canzoni. Penso che il suono melodioso della loro lingua possa derivare dal fatto che i marinai cantavano molto in passato e questo ha influenzato lo sviluppo della loro lingua. Ciò potrebbe spiegare l’osservazione acuta di Johan Winkler secondo cui molte lingue costiere sembrano cantare. Questo spiega anche perché così tante poesie sono state scritte nella lingua di Schiermonnikoog. Scrivere canzoni è naturale per loro e poiché le loro poesie sono spesso canzoni, anche la poesia è parte integrante della loro cultura tradizionale.

Le persone dell’isola sono artisti da tempo immemorabile, il che mi rallegra perché sono figlio di un artista. Come la lingua melodiosa di Schiermonnikoog ha stimolata gli isolani a cantare canzoni e fare poesie in passato, la lingua dell’isola stimola la mia creatività nel presente e lo farà anche in futuro. È una lingua che si adatta al mio come figlio di un artista. Terrò viva questa lingua perché ha un profondo valore artistico. Spero che questa lingua ispiri molti artisti e figli di artisti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s